Eco di Milano e Provincia
18.6 C
Milano
sabato, Giugno 22, 2024
Eco di Milano e Provincia
HomeAttualitàArea B e Area C: le novità (per molti ma non per...

Area B e Area C: le novità (per molti ma non per tutti) che scattano da ottobre

Da domenica 1 ottobre entrano in vigore nuove norme per l’accesso in Area B e Area C, che scatteranno a partire da lunedì 2 ottobre perché nel fine settimana è possibile circolare liberamente.  

Rilevamento dei pedoni e ciclisti, adesivo di segnalazione della presenza dell’angolo cieco (Area B)

Area B rimane una zona a traffico limitato controllata da 188 telecamere, con divieto di accesso e circolazione dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30 (festivi esclusi).

Solo nei giorni feriali i veicoli M3 (veicoli destinati al trasporto di persone, aventi più di otto posti a sedere e massa massima superiore a 5 tonnellate) ed N3 (veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima superiore a 12 tonnellate) potranno circolare solo se dotati di sistemi di rilevamento della presenza di pedoni e ciclisti in prossimità della parte anteriore del veicolo o sul lato del marciapiede e di emettere un segnale di allerta nonché di apposito adesivo che segnala il pericolo dovuto all’angolo cieco.  

I veicoli sprovvisti di questo sistema potranno comunque circolare uno al 31 dicembre 2024 a patto di avere un contratto di acquisto per le apparecchiature necessarie. 

Per tutti i veicoli sarà necessario aver apposto l’adesivo di segnalazione della presenza dell’angolo cieco, il cui scopo è richiamare l’attenzione di pedoni e ciclisti sulla pericolosità di affiancarsi in aree in cui il guidatore non riesce a individuarli.  

I veicoli M2 (veicoli destinati al trasporto di persone, aventi più di otto posti a sedere oltre al sedile del conducente e massa massima non superiore a 5 tonnellate) e N2 (veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima superiore a 3,5 tonnellate ma non superiore a 12 tonnellate) dovranno adeguarsi dal 1° ottobre 2024, con la medesima possibilità di deroga non oltre il 31 dicembre 2025. 

Non è invece prevista per quest’anno l’entrata in vigore di nuovi divieti ambientali.  

Le deroghe in Area B  

I veicoli alimentati a benzina Euro 0, 1, 2 e gasolio Euro 0, 1, 2, 3, 4 e 5 potranno ancora usufruire del servizio Move-In per l’accesso in Area B.  

Il veicolo registrato potrà circolare liberamente in qualsiasi fascia oraria, fino a un tetto massimo di km/anno stabilito in base alla sua tipologia e classe ambientale, ad esempio, 2.000 km per i diesel euro 5, 1.800 per i diesel euro 4 e 600 per i veicoli a benzina euro 3.  

La misurazione dei chilometri non tiene conto degli orari e delle giornate in cui Area B non è attiva: la percorrenza all’interno di Area B viene conteggiata nell’arco dell’intera settimana (inclusi sabati, domeniche e festivi) e delle 24 ore.  

L’adesione al servizio MoVe-In ha una durata di dodici mesi a partire dalla data di attivazione e può essere rinnovata.  

I veicoli dei residenti a Milano alimentati a gasolio Euro 4 e 5 e Euro 2 a benzina hanno diritto a 25 giornate di accesso e circolazione in Area B, mentre per i non residenti le giornate scendono a 5. 

Area C Area B Milano

Area C – Le limitazioni alla circolazione e l’adeguamento del ticket 

Per quanto riguarda Area C (attiva dal lunedì al venerdì dalle 7:30 alle 19:30), a partire dal prossimo 1° ottobre scatteranno nuovi divieti per gli autoveicoli per il trasporto cose e per gli autobus con alimentazione Euro 2/II benzina, Euro 0-4/IV diesel con FAP, Euro 5 diesel e EURO V diesel  senza FAP e con FAP e particolato > 0,01 g/kWh (classe inferiore a Euro VI).

Rimarranno invariati i divieti per le automobili per il trasporto persone.  

A partire dal prossimo 30 ottobre 2023, il ticket per l’ingresso in Area C passerà dai 5 euro attuali a 7,5 euro, mentre il ticket per i veicoli di servizio passerà da 3 a 4,50 euro.

I ticket cartacei ancora in circolazione saranno attivabili solo online (entro il 29 ottobre 2024), senza alcun sovrapprezzo. 

Per i residenti, a partire dal 41esimo ingresso, il ticket sarà di 3 euro.  

“Questi provvedimenti – dice Arianna Censi, assessora alla Mobilità del Comune di Milano – sono coerenti con quello che ci siamo impegnati a fare con i milanesi. Il miglioramento dell’aria che respiriamo e della qualità della vita nella nostra città passa anche da una diminuzione della presenza di macchine in strada e dal potenziamento del trasporto pubblico che stiamo portando avanti, soprattutto con il completamento della M4. A questo si aggiunge la promessa che abbiamo fatto per rendere più sicure le nostre strade, in particolare per i ciclisti e i pedoni, individuando in breve tempo una modalità per inserire l’obbligatorietà di sensore per l’angolo cieco, in mancanza di una normativa nazionale”. 

Dichiarazione che farà indignare molti milanesi (e non) ormai esasperati da queste regole spesso complicate ed inutili.

Articoli Correlati
sanificazione ambientale Eco di Milano e provincia

Popolari