eco
22 C
Milano
lunedì, Giugno 24, 2024
RFeditore Eco di Milano e Provincia
HomeCronacaLombardiaLa Città metropolitana acquisisce altri tre immobili sequestrati alla mafia

La Città metropolitana acquisisce altri tre immobili sequestrati alla mafia

Le strutture, situate a Vermezzo con Zelo, hanno un valore di 530mila euro e saranno destinate all’housing sociale

Nel corso della seduta del Consiglio della Città Metropolitana di mercoledì 24 maggio, sono stati acquisiti al patrimonio indisponibile della Città metropolitana di Milano alcuni beni immobili confiscati alla criminalità organizzata, situati nel Comune di Vermezzo con Zelo.

L’ente di area vasta, come ha spiegato il Consigliere delegato al Bilancio e Patrimonio Dario Veneroni, ha partecipato alla manifestazione di interesse dell’ANBSC – Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata per l’acquisizione a titolo gratuito di immobili per un valore complessivo di oltre 530mila euro (un’immobile ad uso abitativo da 237.600 euro; un’unità a uso laboratorio del valore di 164mila euro e uno ad uso autorimessa per 107mila euro). Tutti nel territorio del Comune lombardo.

La proposta, che conta sulla collaborazione con l’associazione Una casa anche per te onlus e con l’associazione laica cattolica “San Vincenzo De Paoli”, prevede una destinazione di housing sociale per gli immobili, con l’accoglienza temporanea di nuclei familiari del territorio che hanno subito uno sfratto, mamme sole con bambini, papà separati e persone con bisogni abitativi. L’associazione, infatti, opera già da tempo con la stessa mission nel territorio del sud ovest milanese, coordinando progetti di housing sociale a Cisliano, Arluno, Albairate e Trezzano Sul Naviglio.

Non è il primo bene confiscato destinato alla Città metropolitana che collabora attivamente con l’ANBSC e ospita una delle sue sedi secondarie proprio all’interno di Palazzo Isimbardi.
“Grande soddisfazione per l’acquisizione e il futuro recupero di questi beni, che verranno messi così a disposizione della comunità con una finalità sociale importante ed inclusiva. Un bene tolto alla criminalità organizzata e restituito alla collettività per finalità sociali.  Ringrazio l’ex vicesindaca Michela Palestra per aver avviato l’iter e tutto l’ente per aver portato a termine con determinazione questo importante progetto”, commenta il Consigliere delegato al Bilancio e Patrimonio Dario Veneroni.

Articoli Correlati
sanificazione ambientale Eco di Milano e provincia

Popolari