Eco di Milano e Provincia
8 C
Milano
mercoledì, Aprile 17, 2024
Eco di Milano e Provincia
HomeAttualitàPerché ci sono delle coperte sulle statue di Milano

Perché ci sono delle coperte sulle statue di Milano

Questa mattina, l’alba ha svelato un’iniziativa senza precedenti: coperte sulle statue di Leonardo da Vinci, Alessandro Manzoni e Cristina Trivulzio di Belgioioso, monumenti di prestigio culturale.

In un gesto di sensibilizzazione senza precedenti, i volontari e gli operatori di Progetto Arca hanno presidiato piazza della Scala, piazza San Fedele e piazza Belgioioso per l’intera giornata, lanciando un messaggio diretto alla città: “Le persone più importanti della città sono state simbolicamente coperte per affrontare il freddo notturno di questo periodo, per non dimenticare le persone altrettanto importanti che ogni sera assistiamo in strada con coperte, sacchi a pelo e indumenti caldi. Persone che vivono accanto a noi anche nei luoghi più centrali della città e hanno bisogno dell’attenzione e dell’aiuto di tutti noi”.

Coperte sulle statue di Milano per sensibilizzare i cittadini

Presso le statue dei tre illustri personaggi, un grande pannello raffigurava una figura senza dimora, rappresentata con il nome fittizio di Saverio, spiegando il significato dell’iniziativa: “Saverio come Da Vinci stanotte ha dormito qui. Chi vive in strada ha bisogno di tutta la nostra attenzione. Copriamo le persone più importanti della città”.

L’iniziativa, denominata “Copriamo le persone più importanti della città”, ha ricevuto il patrocinio del Comune di Milano ed è stata presentata questa mattina in piazza della Scala dall’assessore al Welfare e Salute, Lamberto Bertolé, e dal presidente di Fondazione Progetto Arca, Alberto Sinigallia.

“Quello di oggi – ha dichiarato l’assessore Bertolé – vuole essere un gesto simbolico per ricordare e ricordarci che tutti i giorni tanti uomini e donne vivono una situazione di difficoltà che li condanna alla marginalità e all’esclusione sociale. Una condizione che non può e non deve mai trasformarsi in invisibilità”.

La Fondazione Progetto Arca, con trent’anni di esperienza nel campo dell’assistenza ai senza dimora, opera a livello nazionale e, in particolare, a Milano, fornendo sostegno concreto attraverso Unità di strada e Cucine mobili, che distribuiscono pasti caldi ogni giorno.

Le statue sono rimaste coperte per tutta la giornata, mentre i volontari hanno distribuito materiale informativo sull’assistenza e l’accoglienza delle persone senza dimora, sottolineando l’importanza del numero attivo h24 02-88447646 per segnalare la presenza di persone in difficoltà.

coperte sulle statue milano progetto Arca
La statua di Cristina Trivulzio di Belgioioso – foto: Daniele Lazzaretto

L’iniziativa “Copriamo le persone più importanti della città” è parte integrante della campagna “Stanotte ho sognato che mi aiutavi” di Progetto Arca, e ha visto la collaborazione con la startup Fody Fabrics, che ha gentilmente donato le coperte salvavita. Un ringraziamento speciale è stato rivolto alla Fondazione Brivio Sforza per aver aderito all’evento tramite la concessione della statua di Cristina Trivulzio di Belgioioso.

Articoli Correlati
sanificazione ambientale Eco di Milano e provincia

Popolari