Torna in Piazza Duomo il tradizionale “Mercatino di Natale”

Specialità gastronomiche ed eccellenze artigianali esposte nelle 34 baite.

0
451
Natale Milano 21

Con un simbolico taglio del nastro ha preso il via il tradizionale “Mercatino di Natale” in piazza Duomo. Realizzato da ATI promoter Prisma e da Apeca (Associazione ambulanti Confcommercio Milanosarà aperto dalle 8:30 alle 22 per tutta la durata delle festività natalizie, fino al 6 gennaio. Milanesi e turisti troveranno ad attenderli 34 baite decorate con frasche, festoni rossi e luci e 64 espositori pronti con la giusta idea regalo tra i prodotti di eccellenza dell’artigianato e le migliori specialità gastronomiche delle feste.

All’inaugurazione davanti alla casetta di Babbo Natale (la 35esima e più grande di tutte) hanno partecipato il sindaco di Milano Giuseppe Salal’assessora allo Sviluppo economico e Politiche del lavoroAlessia Cappello, il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli e il presidente di ApecaGiacomo Errico

Natale Milano 21

Un’occasione per tornare a vivere le feste con la giusta atmosfera

“Dallo scorso settembre, con il Salone del Mobile, – ha detto Sala – la città ha riconquistato settimana dopo settimana i suoi eventi più importanti e amati, segnando una ripresa graduale ma decisa di tutte le sue attività, culturali, sportive e commerciali. Ora il Natale ci regala, è proprio il caso di dirlo, l’opportunità per un nuovo passo avanti. Abbiamo chiesto a tutti la massima attenzione alle regole, perché questo momento possa essere motivo di gioia e serenità e i mercatini saranno l’occasione per tornare a vivere le feste con la giusta atmosfera”.

Dagli alimentari all’abbigliamento, dall’oggettistica ai profumi

L’offerta merceologica è ampia e diversificata: dagli alimentari – con un’ampia scelta di panettoni artigianali, datteri e zafferano iraniano, cioccolato, croccanti, praline, boeri e gianduiotti dal Piemonte, torrone di Cremona, confetteria campana, formaggi lombardi, francesi, svizzeri e piemontesi, bresaola e altri salumi, prodotti tipici bergamaschi, umbri, pugliesi, sardi e siciliani fino alle specialità tirolesi con i caratteristici brezel, vodka e caviale russi – all’oggettistica e abbigliamento.

E ancora prodotti di artigianato spagnolo ed equadoregno, stoffe etniche, cappelleria artigianale, accessori alla moda e della tradizione tirolese-altoatesina, complementi d’abbigliamento, bigiotteria e gioielli, accessori per la casa, vetreria e cristallo della tradizione veneta, idee regalo in legno e pietre incise, eco-prodotti in avorio vegetale. Non mancheranno i profumi ed essenze della Provenza, prodotti per la cosmesi, le statuine e gli addobbi per il presepe della tradizione partenopea e le decorazioni per l’albero di Natale e per la casa.

Come richiesto dalla normativa anti-Covid, grande attenzione è stata riservata ai dispositivi di protezione: i punti vendita metteranno a disposizione dei visitatori gel sanificante e mascherine. Gli operatori del mercato (in possesso di green pass) indosseranno la mascherina

Non solo shopping ma tante iniziative nel segno della solidarietà

“Dopo il successo delle luminarie che copriranno un numero di chilometri mai raggiunto prima – afferma l’assessora allo Sviluppo economico, Alessia Cappello – siamo felici di poter tornare ad avere, qui in piazza Duomo, anche il Mercatino di Natale. Le casette rispettano le norme di sicurezza necessarie per lo svolgimento dei mercati all’aperto. La varietà dell’offerta merceologica, grazie all’ottimo lavoro svolto da Apeca nella selezione degli espositori, attirerà certamente molti tra milanesi e turisti. Ringrazio gli organizzatori per le iniziative di solidarietà che caratterizzeranno l’edizione di quest’anno con le donazioni alla Veneranda fabbrica del Duomo e a chi in città si impegna per il bene di chi ha più bisogno”.
 
Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio sottolinea che “le luci che si riaccendono dopo due anni sono davvero un segno di nuova speranza per una Milano decisa a ritrovare la via della normalità e della ripresa economica”.  
 
“Un mercatino che si inserisce ormai nella tradizione dei tipici mercati natalizi – aggiunge Giacomo Errico, presidente di Apeca – e costituisce un punto d’attrazione con un’offerta qualitativa elevata in un’area di mercato sicura e fruibile. Il nostro impegno è massimo affinché in questi giorni ancora molto delicati per l’andamento della pandemia vi sia la più assoluta tranquillità per famiglie e consumatori”.

Sorprese per i bambini che scriveranno la letterina a Babbo Natale

Il Mercatino di Natale di piazza Duomo dà spazio anche alla solidarietà. Gli organizzatori doneranno 200mila euro alla Fabbrica del Duomo; 40mila euro all’Istituto dei Tumori; 10mila euro rispettivamente alla Casa della carità, al Centro Aiuto alla vita della Clinica Mangiagalli e alla Fondazione Asilo Mariuccia, la storica istituzione milanese che aiuta i più piccoli. Per i bambini che scriveranno la letterina a Babbo Natale saranno acquistati 20mila euro di giochiLa mattina del 25 dicembre, davanti alla casetta di Babbo Natale, riceveranno il regalo da loro richiesto e inserito nella letterina inviata.

L’iniziativa è anche “green”: 10mila euro saranno donati per la piantumazione e la cura di nuovi platani in una zona periferica della città.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui