OLIMPIA MILANO 70ZALGIRIS KAUNAS 83
Lo 3, Melli 4, Shields 21, Mirotic 14, Voigtmann 4, Poythress 4, Tonut 5, Hall 11, Hines 4, Ricci, Bortolani, FlaccadoriEvans 19, Dimsa 5, Ulanovas 20, Smits 16, Hayes 9, Lekavicius, Butkevicius 4, Birutis 8, Giedraitis, Dimsa 5, Lavrinovicius 2, Butka
Allenatore: MessinaAllenatore: Maksvytis
Tiri liberi: 14/19 (73%)Tiri liberi: 6/9 (67%)
Tiri da 2: 16/27 (59%)Tiri da 2: 22/37 (59%)
Tiri da 3: 8/26 (31%)Tiri da 3: 11/21 (54%)
Rimbalzi: 28 (16 difensivi, 12 offensivi)Rimbalzi: 30 (19 difensivi, 11 offensivi)

Arbitri: Belosevic (Serbia), Jovcic (Serbia), Celik (Turchia)
Parziali: 19-18; 12-23; 21-18; 18-24

Una squadra in confusione totale, priva di mordente e incapace di compiere letture appropriate quanto efficaci in entrambe le fasi. L’Olimpia incassa la settima sconfitta della stagione in Eurolega, precipita al 15° posto e si fa scavalcare dallo Zalgiris, arrivato a Milano reduce da tre ko.

Il primo tempo di Milano è stato terribile, addirittura pessimo il secondo quarto: ha fatto fatica in attacco, è stata dominata ai rimbalzi, non ha trovato soluzioni di gioco. Nel terzo periodo l’ingresso di Hines ha dato una scossa alla squadra, Mirotic e Shields hanno trovato canestri da fuori ma Evans e Smith hanno frenato senza patemi il tentativo di recupero dei biancorossi. Nell’ultimo parziale non c’è stata storia, il triste epilogo era già ampiamente previsto e a fine partita il pubblico, giustamente spazientito, ha fischiato la squadra.

Eccezion fatta per Shields, Hines e Hall, poco più che sufficienti, il resto della compagnia ha deluso. Maodo Lo ha chiuso con 0/4 dal campo, Mirotic si è visto solo nel terzo periodo, Voigtmann è irriconoscibile, Melli discontinuo, Poythress impalpabile.

Il camino di Milano adesso diventa davvero complicato, Melli e compagni sono attesi da tre trasferte di seguito a Monaco di Baviera – con i tedeschi che hanno a sorpresa sconfitto la Virtus Bologna 90-76 –, a Belgrado contro il Partizan per chiudere poi con il Barcellona.

Olimpia Milano Zalgiris Kaunas 2023-11-30

Olimpia confusa e senza grinta

È una occasione da sfruttare per scalare posizioni in classifica ma lo Zalgiris – prima nel tiro da 3 in Eurolega (42,6%) – non ha alcuna intenzione di recitare la parte della vittima sacrificale. A metà quarto i lituani sono avanti di quattro (12-16) con 11 punti segnati da Ulanovas.

Con un parziale di 7-0 l’Olimpia ribalta la situazione e con i 4 punti consecutivi di Devon Hall chiude il primo parziale avanti di uno (19-18). L’Olimpia trova una discreta circolazione sul perimetro ma concede troppi rimbalzi in attacca, in compenso Tonut si sacrifica tenendo a bada Ulanovas.

La difesa compatta e aggressiva dello Zalgiris complica i piani di Messina che non ottiene risposte efficaci da Mirotic, con il solo Shields che trova la via del canestro. Milano soffre le penetrazioni centrali, anche Evans attacca il ferro con facilità e l’appoggio al tabellone di Hayes vale il + 11 (27-38).

Funziona tutto nella squadra di Kaunas che gioca con fiducia, lo stesso non si può dire per Milano che fatica tantissimo a trovare canestri dal campo e muove la retina solo dalla lunetta. A fine primo tempo il quadro è deprimente: Zalgiris avanti di 11 (31-41), solo 12 punti a referto contro i 23 dei lituani nel secondo quarto, 6 i punti di Mirotic frutto di altrettanti tiri liberi e 1/11 da 3. Difficile far peggio.

Olimpia Milano Zalgiris Kaunas 2023-11-30

Disastro Milano, arriva la settima sconfitta in Eurolega

Si fa male Butkevicius, l’ala dello Zalgiris è costretto ad abbandonare il parquet. Milano si presenta con due punti di Hines e i primi tre punti dal campo di Mirotic, 5-0 di parziale che illudono per una manciata di secondi perché sale in cattedra Evans che riporta a +12 i suoi (39-51).

Qualche segnale di risveglio Olimpia lo si riscontra al tiro, dopo il disastro dei primi venti minuti sono già 4 le triple andate a bersaglio ma la difesa balbetta ancora e non basta un volitivo Hines a tamponare le falle. Ci prova Shields a cavalcare la rimonta, Milano ricuce in parte lo strappo ma sono 7 i punti da recuperare nell’ultimo periodo (52-59).

Chi è in grande confusione, e non solo stasera, è Voigtmann, beccato anche dal pubblico. Sulla sponda opposta non sbaglia e trova tre punti con un pizzico di fortuna Dimas, che tiene avanti di 10 i lituani (57-67). Le seconde linee di Kaunas rispondono presente, 6 punti di seguito di Birutis esaltano il folto gruppo di tifosi lituani presenti sugli spalti.

Tonut e Hines moltiplicano gli sforzi ma il resto della squadra non risponde ai comandi (66-76). A 50″ dal termine arriva il primo canestro da 2 di Mirotic, l’ennesimo dato che fotografa la pessima stagione dell’Olimpia che esce tra i fischi sonori del Forum.