Workout: la radio si trasforma in teatro e racconta una storia di riscatto

Il cortometraggio è una delle iniziative del progetto WorkOut, laboratorio a sostegno dei percorsi di crescita dei giovani di Peschiera Borromeo.

0
163

Si chiama “WorkOut, Allenarsi per il futuro” ed è un progetto che mira a coinvolgere la comunità di Peschiera Borromeo e offrire ai ragazzi reali opportunità a sostegno dei percorsi di crescita, oltre a occasioni per sperimentarsi e provare a diventare veri cittadini attivi.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra il Comune di Peschiera Borromeo e due cooperative sociali: Arti e Mestieri Sociali e Spazio Aperto Servizi. L’obiettivo è condividere la conoscenza del contesto locale e proporre un modello pedagogico adeguatamente situato a livello territoriale nei quali i ragazzi possano riconoscersi, esprimere le proprie risorse, potenzialità, capacità e desideri oltre a occasioni per sperimentarsi e provare a diventare veri cittadini attivi.

Le “Traiettorie Variabili” di Gaetano Di Vaio, oggi produttore cinematografico

Tra le tante iniziative realizzate e in calendario, lo scorso 14 luglio è stato presentato sotto il porticato del teatro De Sica “Belle StorieTraiettorie Variabili”, una delle proposte contenute nel progetto WorkOut, servizio delle Politiche Giovanili di Peschiera Borromeo. I ragazzi hanno indossato i panni di attori per realizzare un cortometraggio ispirato alla vita di Gaetano Di Vaio. Dopo aver trascorso l’infanzia e l’adolescenza attraverso la violenza e la sopraffazione – subita e agita – in età adulta Di Vaio decide, nonostante le difficoltà, di cambiare traiettoria e prendere in mano il suo futuro diventando produttore cinematografico.

Il lavoro è partito da un’intervista andata in onda su RadioActive 20068 – la web-radio di Peschiera Borromeo – la scorsa primavera nel programma Belle Storie. In quell’occasione due educatori del Progetto WorkOut decidono di farsi raccontare, nel loro programma, una vicenda molto particolare. Una storia fatta di difficoltà, di inciampi, ma anche di grande tenacia. È la vita di un giovane – Gaetano – alle prese con istituti di igiene mentale, criminalità e carcere, che da adulto, grazie anche a un incontro in cella con una persona molto speciale, decide di prendere in mano la propria vita in un modo completamente diverso da quello vissuto fino a quel momento. Gli educatori si accorgono che Gaetano porta con sé una storia incredibile, quella di una persona che ha attraversato traiettorie variabili, a volte impreviste e dolorose, altre volte inseguite con estrema tenacia. Una storia troppo importante per rimanere ferma a un’intervista. Da qui nasce l’idea di coinvolgere alcuni ragazzi che ruotano attorno al Progetto WorkOut per portarla in scena, in un cortometraggio girato interamente all’interno del teatro. Ha preso così vita un lavoro di squadra che ha visto i ragazzi protagonisti fin dall’inizio, a partire da intere serate di brainstorming online sino ad arrivare in teatro a sperimentarsi in un vero e proprio laboratorio guidato da Chiara Valli, direttore artistico del Teatro, responsabile dell’associazione Oltheatre e regista del cortometraggio.

Il particolare di questo cast è che tutti gli attori sono voci di RadioActive 20068. Il cortometraggio è riuscito così a unire giovani speaker, creando ancora di più il senso di appartenenza a questa ambiziosa radio. 

Tutto esaurito al teatro De Sica per assistere al cortometraggio

Nonostante gli ingressi contingentati e l’obbligo di prenotazione online si è registrato il tutto esaurito, un risultato andato oltre le attese che ha ripagato le settimane di intenso lavoro. L’evento è stato fortemente voluto dai ragazzi, che hanno voluto condividere il loro impegno con la cittadinanza non solo per portare in scena un lavoro di qualità, ma anche per dimostrare che a Peschiera esistono opportunità per i giovani.

“Questa è la prova che si può fare, che anche a Peschiera, in provincia di Milano, si possono fare delle cose bellissime – e veramente bene – se le fai con le realtà giuste” afferma Camilla Ferrario, che nella clip interpreta Il Poeta. Gli fa eco Stefano D’Ippolito, che nel cortometraggio è Egobomber.

“Il senso di questo evento è anche far conoscere le opportunità che offre il territorio. Ci sono dei ragazzi che sanno fare, ci sono molteplici possibilità a Peschiera Borromeo, occorre però dar loro la possibilità di dimostrarlo”.

L’evento, iniziato nel tardo pomeriggio, è stato accompagnato da una esibizione di live painting. Immancabile poi il contributo di RadioActive 20068 che ha animato il tutto con musica e interviste agli attori, fino ad arrivare al momento più atteso, la proiezione di Belle Storie – Traiettorie Variabili.

Al termine della clip teatrale, attraverso un videomessaggio, Di Vaio – presente a Cannes in occasione del Festival del Cinema – ha voluto rivolgere un particolare ringraziamento al pubblico di Peschiera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui